Loading...
HOME / CRONACA / ARCIGAY PUBBLICA UN MANIFESTO CON GESU’ CON LA CROCE NEL SEDERE? INDOVINA COSA HA DECISO IL GIUDICE

ARCIGAY PUBBLICA UN MANIFESTO CON GESU’ CON LA CROCE NEL SEDERE? INDOVINA COSA HA DECISO IL GIUDICE

loading...

ARCIGAY PUBBLICA UN MANIFESTO CON GESU’ CON LA CROCE NEL SEDERE? INDOVINA COSA HA DECISO IL GIUDICE

Chiesta l’archiviazione per il manifesto che promuoveva una festa al Cassero di Bologna. Uomini travestiti da Gesù mimavano pratiche sessuali con una grossa croce

Era tutto uno scherzo. Una semplice burla in cui tre uomini vestiti da Gesù e due ladroni (con tanto di corona di spine) mimavano pratiche sessuali con una grossa croce infilata nel didietro.

Blasfemia? Vilipendio? Offesa alla religione e ai tanti cristiani italiani? Macché: per il pm di Bologna il caso è da archiviare. E tanti saluti alle proteste contro l’Arcigay.

Riavvolgiamo il nastro. Nel marzo del 2015 esplose un’enorme polemica a Bologna dopo che il Cassero, storico il circolo omosessuale legato all’Arcigay e “convenzionato” con il Comune, pubblicò sulla sua pagina Facebook una locandina per pubblicizzare la serata “Venerdì credici”. Immagini di dubbio gusto, e che moltissimi considerarono offensive e fuori luogo. I consiglieri comunali Valentina Castaldini (Ncd), Marco Lisei (Fi) e il capogruppo alla Regione di Forza Italia, Galeazzo Bignami, presentarono un esposto in procura. Il procuratore aggiunto, Valter Giovannini, disse che avrebbe valutato le denunce “con attenzione”. Ma ieri il pm Morena Plazzi ha archivato il tutto. La motivazione? Secondo la toga, quell’immagine non si tratta di vilipendio ma “espressione, in forme certo criticabili per la qualità dei contenuti umoristico-satirici, delle istanze culturali e sociali promosse dall’associazione”. Uno scherzo, insomma. Solo una burla. Eppure l’Arcigay non la presentò come un vignetta ironica, spiegando che alcuni avevano deciso di “dissacrare o irridere un simbolo religioso”: “Il conflitto tra comunità Lgbt e la parte politicizzata dei cattolici – disse il Cassero – preesiste alla nostra festa e alle famigerate immagini, questo è un dato indispensabile per comprendere perchè una persona omosessuale decida di dissacrare o irridere un simbolo religioso. Quel gesto rappresenta una liberazione rispetto a un simbolo che quelle persone percepiscono come oppressivo”. Liberazione, dicono. Ma da cosa?

L’allora Vescovo di Bologna, Carlo Caffarra, definì la locandina gay “libertà d’insulto” preludio della “fine delle democrazia”. Aveva ragione lui. Infatti ciò che sorprende è come le associazioni gay, sempre pronte a gridre all’omofobia contro qualsiasi opinione non conforme al loro pensiero, non usino lo stesso metro di misura su immagini che potrebbero essere definite “cristianofobe”. Immaginate una festa della parrocchia sul tema dell’amore etero pubblicizzata con una locandina in cui i fedeli deridono una coppia gay. Cosa farebbero le associazioni omo? Parlerebbero di omofobia. Ovvio. Per fare un esempio, nel 2015, Fabrizio Marrazzo, portavoce del Gay Center della Capitale, disse che i manifesti anti-utero in affitto affissi a Roma inducevano “all’omofobia”. Stessa storia con l’islam. “Se una cosa simile fosse stata fatta noi deridendo la religione islamica o la comunità musulmana – attacca Galeazzo Bignami – ci avrebbero buttato in galere gettando le chiavi, indicendo manifestazioni di solidarietà per loro e organizzando presidi contro la xenofobia e l’intolleranza. Ma visto che si colpiscono i valori Cristiani e i cattolici tutto è consentito”. Ecco: questa disparità di trattamento è la morte della democrazia di cui parlava Caffarra. Ovvero la libertà di insulto a senso unico.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK (QUI) o (QUI) o (QUI)

Seguici su Twitter (QUI)

Google + (Qui)

Al nostro canale Youtube (Qui)

Iscriviti al nostro gruppo Facebook (Qui) o (Qui) o (Qui) o (Qui

Fonte clicca QUI

Loading...

Altro Marco

Guarda Anche

Washington, incendia il marito che aveva stuprato la figlia di 7 anni: «Sparargli? Troppo gentile» – video

Washington, incendia il marito che aveva stuprato la figlia di 7 anni: «Sparargli? Troppo gentile» …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *